Skip to Content

È ora di introdurre la regola Pepe dopo le sue buffonate finali in Unibet

Closed
by August 16, 2018 Unibet

Una scena in particolare dovrebbe meritargli un lampone dorato. Quello che sembrava essere innocuo mano a mano che si unisce al difensore dell’Atlético Madrid, Filipe Luís, nel secondo tempo si è concluso con Pepe che rotola lungo il terreno, ululando in apparente agonia. Era roba da scuola del primo anno e l’arbitro Mark Clattenburg non ne aveva avuto.

Il grande atto di Pepe non era finito lì, però. Quando Filipe posò un palmo sulla sua guancia sinistra, afferrò il suo viso e si diede una scossa come se gli occhi fossero stati Unibet ponturi sgusciati. La faccia deludente del genitore di Clattenburg divenne rapidamente un meme di internet. Ma non c’era un cartellino giallo nonostante la doppia simulazione. Quindi Pepe continuò a essere Pepe, scalciando e dimenando.

Poco dopo ricominciò a recitare, questa volta dopo un altro groviglio con il sostituto Yannick Carrasco.Di nuovo Pepe si strinse la faccia come se una freccia gli avesse diviso le narici. Eppure non c’era ancora alcuna sanzione.

Ci sono voluti fino all’ora supplementare per il difensore centrale del Real Madrid per essere finalmente prenotati. Straordinariamente in questa stagione ha raccolto solo sette cartellini gialli in 32 partite. Alcuni dicono che ha ripulito il suo atto. Più probabilmente è Unibet online appena diventato più furbo a coprirlo.

Più tardi, dopo che il trofeo è stato tolto, Pepe fece il giro di San Siro con un bastone da selfie e la sua lingua prese a festeggiare. Era un atto quasi mirato al laser per causare fastidio a chiunque guardasse ancora. Ma a Pepe non importava. Il vero aveva vinto. E anche lui.

È una storia familiare. Per anni Pepe è stata una perfetta simbiosi tra Fagin e Bill Sikes, entrambi furbi e con abbastanza muscoli per sostenerlo.Notoriamente ha ricevuto un divieto di 10 partite dopo aver tirato le sue borchie sul retro del giocatore Getafe Javier Casquero mentre era sul pavimento prima di calpestare la sua caviglia – e poi, per buona misura, ha schiaffeggiato il compagno di squadra di Casquero, Juan Albín. Quando ha lasciato il campo dopo essere stato mostrato, il cartellino rosso Pepe ha gridato: “Sei tutti figli di puttana”.

Il suo successivo foglio rap avrebbe fatto arrossire Grandmaster Flash e di solito è ancora all’epicentro di Almeno un el clásico rumpus a stagione, il più famoso quando è apparso per timbrare la mano di Lionel Messi nel 2012. Ma c’è mai stato un calciatore tosto che si è rivelato essere un prosciutto più grande di Pepe?Almeno Vinnie Jones ha aspettato fino a quando la sua Unibet ponturi carriera è finita per recitare in recitazione.Il Real Madrid vince la Champions League contro l’Atlético – in foto Per saperne di più

Eppure questo è stato il clamore da sabato sera potrebbe esserci solo un rinnovata opportunità per affrontare un comportamento così nefasto. Il sistema attuale, di assegnare cartellini gialli per la simulazione, chiaramente non funziona. E mentre l’alternativa più ovvia – punizioni retrospettive – ha i suoi meriti, la finale di Champions League ha mostrato un grosso difetto. A Pepe sarebbe davvero importato se avesse perso la prima partita del Real della nuova stagione? Certo che no.

Quindi cosa potrebbe funzionare meglio? Inizia facendo punire il cast per il crimine previsto. Quindi, se Pepe cerca di ingannare l’arbitro e dare i cartellini rossi a Filipe Luís e Carrasco, allora dovrebbe ricevere quella punizione. Non gialloSuccessivamente, dai una spinta e una mano ai funzionari.

Quindi elogia gli arbitri che puniscono la simulazione. Spingili costantemente a fare di più. E, poiché sappiamo che hanno bisogno di aiuto quando il gioco si precipita così velocemente, dargli un po ‘di sostegno permettendo al quarto ufficiale di avvertirli quando le prove video mostrano così chiaramente casi di immersioni, finte lesioni o falli nascosti. Dopo tutto, c’è un precedente. Ero allo stadio olimpico di Berlino quando Zinedine Zidane ha colpito Marco Materazzi nella finale dei Mondiali del 2006. Nessuno sapeva perché l’arbitro aveva fermato il gioco; solo più tardi è stato rivelato che qualcuno lo aveva avvertito tramite l’auricolare.

Chiaramente c’è un equilibrio da raggiungere tra il mantenimento del flusso del gioco e la decisione giusta. Ma la minaccia sarebbe sufficiente.Spiega ai giocatori che il quarto ufficiale potrebbe usare le prove video e il dibattito rischio-v nelle loro teste si altera durante la notte: perché fingere di essere stato punito quando tra 30 secondi avresti ricevuto il rosso per la recitazione? </P >

Tutto questo potenziale cambiamento di regole necessita ora di un nome. Quindi perché non la Regola Pepe – dopo l’uomo il cui comportamento il sabato dovrebbe portare alla sua introduzione? Il Real Madrid torca di nuovo il coltello per dare all’Atlético la più crudele delle notti | Sid Lowe Ulteriori informazioni

Previous
Next