Skip to Content

Per FM-86 in Messico non era più un’arma segreta

Per FM-86 in Messico non era più un’arma segreta

Closed
by May 16, 2018 Calcio

Per FM-86 in Messico non era più un’arma segreta. Tutti sapevano cosa aspettarsi da questo, e la Danimarca non ha deluso, avendo battuto Scozia, Uruguay e Germania Ovest.

Elkjær-Larsen ha segnato gli scozzesi e ha registrato una tripletta per l’Uruguay. Dopo aver lasciato il gruppo, la Danimarca è stata considerata una delle favorite.

Passarono due anni dopo l’Euro-84, e i reparti Pionteka maturarono. Nella loro composizione è stato il campione d’Italia Laudrup (con la Juventus), incredibilmente giocato con Elkier, Søren Lerby, Arnesen, Jesper Olsen e Jan Mølby.

Una squadra forte, eccellenti interpreti, esperienza … tutto indicava che l’incontro con la Spagna sarebbe stato uguale. Ma qualcosa è andato storto. Questo è un nonsense di qualche tipo – la Danimarca ha perso, e con un punteggio di 5: 1. Dopo la penalità di Olsen, i danesi hanno semplicemente invitato gli attaccanti al loro obiettivo. Eccessiva fiducia in se stessi ha ucciso la più grande Danimarca, e Olsen è passato da eroe a cattivo: gli è mancato Emilio Butragueño, pareggiato.

Elkjier-Larsen è stato bravo e due volte ha quasi segnato, ma non ha potuto influenzare l’esito dell’incontro. Butragueño colpisce ancora e, mentre i danesi cercano di andare avanti, la Spagna continua a segnare. “La Roja” era forte, ma la partita rimane ancora una delle più strane nella storia del calcio. Forse, ha influenzato la rimozione di Arnesen e l’assenza di Mölby. A centrocampo, la squadra sembrava un buco, e la Spagna lo attraversò come un coltello attraverso l’olio.

Quando è stato il momento per Euro-88, la possibilità è stata persa. I danesi hanno perso la precedente minaccia e persino gli obiettivi di Elkier-Larsen non hanno aiutato a superare la fase a gironi. Il centrocampista stesso ha partecipato a riunioni contro la stessa Spagna e la Germania occidentale. L’ultima partita è stata la sua ultima carriera in nazionale.

A “Verona” Elkjier-Larsen ha continuato a stupire, ma non ha vinto nulla. Stagione 1986/87 la squadra terminò al quarto posto. La stagione successiva è stata ancora più difficile: i giocatori non avevano abbastanza forza per l’Italia a causa della Coppa UEFA, nei quarti di finale di cui “Verona” era un po ‘”Werder”.

Previous
Next